Atti osceni: carcere solo se davanti ai minori

Atti osceni: carcere solo se davanti ai minori

di Marina Crisafi – Fare sesso in pubblico non sarà più reato né porre in essere qualsiasi atto osceno in luogo pubblico, aperto o esposto al pubblico, che l’art. 527 c.p. punisce con la reclusione da tre mesi a tre anni. La novità è contenuta nei due decreti legislativi sulla depenalizzazione dei reati approvati venerdì scorso dal Consiglio di Ministri (leggi: “Via libera alla depenalizzazione dei reati … e lo Stato incasserà due volte”), in attuazione della delega prevista dalla l. n. 67/2014, e approdati ieri in Commissione giustizia per il necessario parere, che dovrà essere licenziato entro il prossimo 17 dicembre.
Stessa sorte toccherà all’ingiuria, al reato di omesso versamento delle ritenute da parte del datore di lavoro sotto i 10mila euro, alla prevenzione del riciclag…

Leggi: Atti osceni: carcere solo se davanti ai minori
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche