Avvocati a difesa dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione: la Cassazione fa chiarezza

Avvocati a difesa dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione: la Cassazione fa chiarezza


di Annamaria Villafrate – Al termine di un’articolata sentenza di 23 pagine (la n. 30008/2019 sotto allegata), le Sezioni Unite della Cassazione (sotto allegata) enunciano i principi che regolano i casi in cui l’Agenzia della Riscossione è tenuta a farsi rappresentare in giudizio dall’Avvocatura o, stante la convenzione con quest’ultima, da avvocati del libero Foro. Il discrimen per gli Ermellini è rappresentato dagli accordi contenuti nella convenzione con l’Avvocatura e da questioni di massima o aventi notevoli riflessi economici (salvi casi di conflitto o casi speciali previsti da delibera motivata). Per cui, fuori da questi casi o quando l’Avvocatura non è disponibile ad assumere la rappresentanza anche nei casi previsti dalla convenzione, l’Agenzia è libera di rivolgersi ad avvocati…

Leggi: Avvocati a difesa dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione: la Cassazione fa chiarezza
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche