Avvocato d'ufficio: decreto e precetto sufficienti per farsi pagare dallo Stato

Avvocato d'ufficio: decreto e precetto sufficienti per farsi pagare dallo Stato


di Annamaria Villafrate – Con ordinanza n. 3673/2019 la Cassazione, accogliendo il ricorso di un difensore, precisa che per farsi pagare costui non doveva, contrariamente a quanto sostenuto dal Tribunale, portare a termine e in sequenza tutte le attività previste per recuperare il proprio credito. Egli infatti non è tenuto a dimostrare la non abbienza o completa impossidenza del proprio assistito. Sono sufficienti decreto ingiuntivo e precetto per chiedere allo Stato il proprio compenso. La vicenda processuale
Un difensore d’ufficio in un procedimento penale ricorre in cassazione avverso l’ordinanza sfavorevole del Tribunale, che ha rigettato la liquidazione del suo compenso relativo all’attività difensiva espletata. Nell’unico motivo del ricorso il difensore:
lamenta il diniego dell…

Leggi: Avvocato d'ufficio: decreto e precetto sufficienti per farsi pagare dallo Stato
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche