Cassazione: condannato il medico reperibile che rifiuta di visitare il paziente ritenendo che non sia urgente

Cassazione: condannato il medico reperibile che rifiuta di visitare il paziente ritenendo che non sia urgente

di Valeria Zeppilli – Anche se ciò sembrerebbe scontato, è stato necessario l’intervento della Corte di Cassazione per ricordare che il medico in turno di pronta disponibilità non può rifiutarsi di visitare il paziente ritenendo che non ce ne sia urgenza. In particolare, con la sentenza numero 45928/2015, depositata il 19 novembre (qui sotto allegata), i giudici hanno chiarito che il servizio di pronta disponibilità è stato istituito allo scopo di assicurare un’assistenza sanitaria più efficace.
In tal senso, esso non può ritenersi sostitutivo rispetto al cd. turno di guardia, ma integrativo dello stesso, a maggiore tutela dei pazienti.
Di conseguenza, il medico in reperibilità deve innanzitutto essere sempre concretamente e permanentemente reperibile.
In secondo luogo, se la su…

Leggi: Cassazione: condannato il medico reperibile che rifiuta di visitare il paziente ritenendo che non sia urgente
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche