Cassazione: l’esclusione di un bene dalla comunione dei coniugi va dichiarata in sede di atto di acquisto

Cassazione: l’esclusione di un bene dalla comunione dei coniugi va dichiarata in sede di atto di acquisto

di Valeria Zeppilli – Con la sentenza numero 24287/2015, depositata il 27 novembre (qui sotto allegata), la Corte di Cassazione ha chiarito che se uno dei coniugi acquista, in regime di comunione, un immobile in virtù di un vitalizio, il comodato sull’immobile stesso può essere dichiarato nullo.

Infatti, per poter escludere un determinato bene dal patrimonio comune dei coniugi (e concederlo poi autonomamente in comodato) è necessaria un’apposita dichiarazione in sede di atto di acquisto.
Nel caso di specie, il bene era stato acquistato dal marito mediante un contratto di vitalizio assistenziale dall’anziano genitore e prestato al fratello.
Proprio questo aspetto, però, non era andato giù alla moglie, che aveva reclamato dinanzi al tribunale, vedendo accolte le proprie ragioni, …

Leggi: Cassazione: l’esclusione di un bene dalla comunione dei coniugi va dichiarata in sede di atto di acquisto
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche