Cassazione, maltrattamenti in famiglia: non contano le differenze religiose e culturali

Cassazione, maltrattamenti in famiglia: non contano le differenze religiose e culturali

di Lucia Izzo – Il cittadino straniero non potrà invocare, quale causa di giustificazione per il reato di maltrattamenti commesso nei confronti della compagna, le connotazioni culturali e religiose proprie del paese d’origine. Questo perché ha scelto di vivere in Italia dove assume centralità il rispetto della persona umana, ai sensi dell’art. 3 della Costituzione, affinché sia consentita l’instaurazione di una società civile multietnica. Condanna per violenza sessuale e maltrattamenti in famigliaLo ha chiarito la Corte di Cassazione, terza sezione penale, nella sentenza n. 8986/2020 (qui sotto allegata) pronunciandosi sul ricorso di un uomo condannato, oltre che per violenza sessuale, anche per i reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate in danno della convivente m…

Leggi: Cassazione, maltrattamenti in famiglia: non contano le differenze religiose e culturali
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche