Cassazione: va pagato secondo tariffa, l'avvocato, esecutore testamentario, se questa è la volontà del defunto

Cassazione: va pagato secondo tariffa, l'avvocato, esecutore testamentario, se questa è la volontà del defunto

di Valeria Zeppilli – L’avvocato che è stato nominato esecutore testamentario dal de cuius a titolo oneroso e secondo la tariffa professionale ha diritto al compenso, così come previsto dalle tariffe forensi.
Questo è quanto chiarito dalla Corte di cassazione, con la sentenza numero 24147 depositata il 26 novembre 2015 (qui sotto allegata).
I giudici ricordano infatti che, in via generale, in base all’articolo 711 del codice civile, l’ufficio di esecutore testamentario è gratuito e l’incaricato ha la facoltà di non accettarlo.
Tuttavia, il testatore può ben stabilire un compenso per tale soggetto, da porsi a carico dell’eredità e salvo il diritto di ripetere le spese sostenute nell’esecuzione dell’incarico.
Così, la Corte ha respinto il ricorso di una fondazione avverso la sentenza…

Leggi: Cassazione: va pagato secondo tariffa, l'avvocato, esecutore testamentario, se questa è la volontà del defunto
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche