Commette estorsione il datore che ricatta i lavoratori con il rischio licenziamento

Commette estorsione il datore che ricatta i lavoratori con il rischio licenziamento

di Lucia Izzo – Integra il reato di estorsione anche la condotta del datore di lavoro che, anteriormente alla conclusione del contratto, impone al lavoratore, ovvero induce il lavoratore, ad accettare condizioni contrarie a legge ponendolo nell’alternativa di accettare quanto richiesto ovvero di subire il male minacciato Lo ha ribadito la Corte di Cassazione, seconda sezione penale, nella sentenza n. 18727/2016 (qui sotto allegata).Ricorre alla Corte un datore di lavoro condannato per estorsione continuata ai danni di alcuni suoi dipendenti: costui, agendo nella sua qualità di datore di lavoro e con abuso di tale qualità, mediante minaccia di licenziamento, costringeva i detti dipendenti, prima, ad accettare le condizioni lavorative loro imposte e a firmare una lettera di dimissioni in bia…

Leggi: Commette estorsione il datore che ricatta i lavoratori con il rischio licenziamento
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche