Crollo di costruzioni o altri disastri dolosi

Crollo di costruzioni o altri disastri dolosi

Il testo dell’art. 434 c.p.Bene giuridico tutelato dall’art. 434 c.p. e procedibilitàLa condotta sanzionata dall’art. 434 c.p.Cosa intende il legislatore con l’espressione “altro danno”?La penaElemento soggettivoIl testo dell’art. 434 c.p.[Torna su]

Chiunque, fuori dei casi preveduti dagli articoli precedenti, commette un fatto diretto a cagionare il crollo di una costruzione o di una parte di essa ovvero un altro disastro è punito, se dal fatto deriva pericolo per la pubblica incolumità, con la reclusione da uno a cinque anni.
La pena è della reclusione da tre a dodici anni se il crollo o il disastro avviene. Bene giuridico tutelato dall’art. 434 c.p. e procedibilità[Torna su]

Il bene giuridico meritevole di tutela, in relazione all’art. 434 c.p., è la pubblica incolumità. O…

Leggi: Crollo di costruzioni o altri disastri dolosi
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche