Esame avvocato: la bocciatura va motivata, non basta solo il voto!

Esame avvocato: la bocciatura va motivata, non basta solo il voto!

di Lucia Izzo – In sede di esame per l’abilitazione alla professione forense, la Commissione deve indicare la motivazione, e non solo il voto numerico, in caso di bocciatura agli scritti, così da consentire al candidato di comprendere i propri errori, soprattutto quando il compito si presenta privo di alcuna correzione.Il TAR Lombardia, sez. III, con la sentenza n. 2758/2015 (qui sotto allegata), accoglie in questo modo il ricorso di una  candidata che ha impugnato gli esiti dell’esame per l’abilitazione all’esercizio della professione di avvocato, sessione 2013. In sede di esame erano stati ritenuti insufficienti sia il parere di civile che l’atto giudiziario, ma senza che vi fosse alcuna precisazione circa gli errori commessi: come da frequente prassi, infat…

Leggi: Esame avvocato: la bocciatura va motivata, non basta solo il voto!
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche