Fabbricazione o detenzione di materie esplodenti

Fabbricazione o detenzione di materie esplodenti

Il testo dell’art. 435 c.p.Bene giuridico tutelato e procedibilitàLa condotta sanzionata dall’art. 435 c.p.La pena Elemento soggettivoIl testo dell’art. 435 c.p.[Torna su]
Chiunque, al fine di attentare alla pubblica incolumità, fabbrica, acquista o detiene dinamite o altre materie esplodenti, asfissianti, accecanti, tossiche o infiammabili, ovvero sostanze che servano alla composizione o alla fabbricazione di esse è punito con la reclusione da uno a cinque anni. Bene giuridico tutelato e procedibilità[Torna su]

Il bene giuridico meritevole di tutela, in relazione all’art. 434 c.p., è la pubblica incolumità. Ovviamente nel concetto di pubblica incolumità rientra anche la tranquillità e la serenità della collettività, che non deve essere pervasa da timore o da motivi di allarme. Il …

Leggi: Fabbricazione o detenzione di materie esplodenti
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche