Gratuito patrocinio: va revocato se l’azione è infondata

Gratuito patrocinio: va revocato se l’azione è infondata

di Marina Crisafi – Giro di vite contro chi approfitta del patrocinio gratuito per proporre azioni pretestuose e infondate. Tale condotta, che integra la colpa grave, deve essere sanzionata con la revoca del beneficio e la conseguente condanna a pagare tutte le spese di causa.
Ad affermarlo è la Corte d’Appello di Milano, con la sentenza n. 1000/2015 (qui sotto allegata), respingendo il ricorso di un’ex moglie che chiedeva un risarcimento danni sproporzionato al marito a causa di una asserita violazione degli obblighi di assistenza familiare per il mancato pagamento dell’assegno di mantenimento disposto in sede di divorzio.
Per i giudici milanesi, non solo i ritardi nei versamenti hanno riguardato un periodo molto limitato, ma gli arretrati sono stati anche saldati dall’ex coniuge…

Leggi: Gratuito patrocinio: va revocato se l’azione è infondata
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche