Il commento su Facebook aspro e polemico non costituisce diffamazione

Il commento su Facebook aspro e polemico non costituisce diffamazione


Avv. Paolo Accoti – Chiunque, comunicando con più persone, offende l’altrui reputazione, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a 1.032 euro. Se l’offesa consiste nell’attribuzione di un fatto determinato, la pena è della reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a 2.065 euro. Se l’offesa è recata col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico, la pena è della reclusione da sei mesi a tre anni o della multa non inferiore a 516 euro (art. 595 Cp).
La giurisprudenza, già da tempo, ha considerato il profilo Facebook quale <<luogo aperto al pubblico>>, in considerazione del fatto che l’accesso risulta consentito a tutti gli utilizzatori del predetto social network (Cass. 37596/2014).
Ciò posto, propri…

Leggi: Il commento su Facebook aspro e polemico non costituisce diffamazione
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche