Il credito risarcitorio derivante da crimini di guerra non si prescrive

Il credito risarcitorio derivante da crimini di guerra non si prescrive

Avv. Francesco Pandolfi – La Corte Costituzionale, come noto, circa un anno fa ha già detto sì al risarcimento dei danni per i crimini di guerra e contro l’umanità, riconoscendo in ogni caso il diritto ad avere un giudice davanti al quale porre la domanda; ora il Tribunale di Piacenza con la sentenza non definitiva n. 722/2015 assesta un altro colpo in materia di immunità per crimini di guerra e di danno alle persone da essi derivato.
I titolari o legittimati all’azione sono tutti quei cittadini (o loro eredi), catturati nel territorio italiano da militari tedeschi e deportati in Germania per essere adibiti a lavori forzati.
Nella vicenda processuale presa a spunto per il commento, la domanda viene introdotta nelle forme dell’art. 702 c.p.c. contro la Repubblica Federale della German…

Leggi: Il credito risarcitorio derivante da crimini di guerra non si prescrive
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche