L'avvocato può scambiare “due chiacchiere” col testimone?

L'avvocato può scambiare “due chiacchiere” col testimone?

Il rapporto dell’avvocato con i testimoniL’art. 55 del Codice deontologico forense La giurisprudenza di Cnf e CassazioneIl divieto di compensare il testimone Il rapporto dell’avvocato con i testimoni[Torna su]
Fra le diverse problematiche “deontologiche” che l’avvocato deve affrontare nell’esercizio della sua attività una delle più delicate è il rapporto dello stesso con i testimoni (ovvero, con le persone informate sui fatti, nel processo penale). E ciò per ovvi motivi che possono ricollegarsi ai rapporti con il cliente, alle dichiarazioni rese e di conseguenza all’esito (positivo o negativo) della causa), ma anche ai rapporti con la controparte e il giudice.L’art. 55 del Codice deontologico forense [Torna su]
È quindi naturale che il codice deontologico forense abbia fissato una rego…

Leggi: L'avvocato può scambiare “due chiacchiere” col testimone?
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche