Nell'accertamento da redditometro non si può considerare il possesso di un'auto in comodato

Nell'accertamento da redditometro non si può considerare il possesso di un'auto in comodato

di Lucia Izzo – L’accertamento da “redditometro” è invalidato dall’avervi ricompreso l’automobile concessa in comodato al consulente per lo svolgimento della sua attività.La CTR di Roma, con la sentenza n. 4411/2015, ha respinto l’appello del fisco contro la sentenza di primo grado che aveva stabilito l’invalidità dell’accertamento svolto dall’amministrazione finanziaria che rettificava il reddito di un contribuente per essere costui in possesso di un’auto e di un immobile.Anche la Commissione capitolina ritiene meritevoli di accoglimento le doglianze del consulente contro il fisco.L’autorità finanziaria competente, infatti, ha omesso di considerare che le spese necessarie per sostenere il tenore di vita devono essere ricondotte alla complessiva capacità contributiva del nucleo familiare.I…

Leggi: Nell'accertamento da redditometro non si può considerare il possesso di un'auto in comodato
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche