Non è reato non comunicare all'INPS la morte di un congiunto

Non è reato non comunicare all'INPS la morte di un congiunto

Non c’è reato se non si comunica all’INPS la morte del congiuntoCarta di credito non funzionante, nessuna appropriazione indebitaLa legge non prevede l’obbligo di comunicazione a carico dei congiuntiNon c’è reato se non si comunica all’INPS la morte del congiunto[Torna su]
L’omessa comunicazione della morte della congiunta all’INPS da parte delle congiunte e il contestato utilizzo delle somme presenti sul conto corrente della defunta a titolo di pensione, non realizzano il reato di cui all’art. 316 ter c.p, non solo perché le stesse non sono obbligate per legge a effettuare questa comunicazione, ma anche perché il conto era cointestato a una delle due imputate e sullo stesso confluivano anche le entrate della sua azienda agricola. La sentenza della Corte di Appello quindi va annullata se…

Leggi: Non è reato non comunicare all'INPS la morte di un congiunto
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche