Non viola la privacy la comunicazione sulla malattia del lavoratore già nota

Non viola la privacy la comunicazione sulla malattia del lavoratore già nota

Violazione della privacy per diffusione di dati sensibili sulla saluteSottovalutata la condotta della Asl nel diffondere dati sensibili senza consensoNessuna violazione se la nota è interna e se il lavoratore ha già diffuso la notiziaViolazione della privacy per diffusione di dati sensibili sulla salute[Torna su]
La Cassazione con l’ordinanza n. 16560/2020 (sotto allegata) respinge definitivamente le doglianze avanzate dal lavoratore in quanto la notizia della malattia era già stata diffusa dallo stesso nell’ambiente di lavoro. La nota deve considerarsi un atto interno emesso con la finalità di tutelare la salute dell’infermiere e degli utenti.
Il Tribunale respinge il ricorso di un infermiere verso la decisione del Garante Privacy, a cui si era rivolto per lamentare la diffusione ille…

Leggi: Non viola la privacy la comunicazione sulla malattia del lavoratore già nota
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche