Reati informatici e competenza territoriale

Reati informatici e competenza territoriale


di Fulvio Graziotto – I sistemi informatici aziendali sono sempre più soggetti ad attacchi e tentativi di intrusioni con modalità remote: sotto il profilo penale, l’accesso abusivo a un sistema informatico è un delitto previsto dall’art. 615-ter del codice penale, punito con la reclusione fino a tre anni, e fino a otto anni nei casi più gravi: al tentativo è applicabile una pena diminuita ai sensi dell’art. 56 c.p.
Anche le aziende si trovano esposte sempre di più a potenziali rischi, con risvolti anche sanzionabili sia in termini di credibilità sul mercato, sia in termini di protezione dei dati personali trattati.
In caso di tentativi di accesso abusivo in remoto (caso più frequente in assoluto), si è posto il problema di stabilire il luogo in cui è commesso il reato (consumato o t…

Leggi: Reati informatici e competenza territoriale
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche