Se la badante non lascia l'abitazione alla morte dell'assistito è reato di "invasione"

Se la badante non lascia l'abitazione alla morte dell'assistito è reato di "invasione"

di Lucia Izzo – La “badante” che occupa l’abitazione della persona assistita a seguito della sua morte può essere accusata del reato di “Invasione di edificio” se non provvede a rilasciare l’immobile occupato “sine titulo”.Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, seconda sezione penale, nella recente sentenza n. 36546/2015 (qui sotto allegata). Ricorre dinnanzi ai giudici di legittimità una donna indagata del reato di cui all’art. 633 c.p. alla quale era stata applicata la misura cautelare del sequestro preventivo di un alloggio popolare da costei occupato senza alcun titolo legittimante.L’indagata evidenzia la carenza del “fumus commissi delicti” in quanto mancherebbe l’elemento costituivo dell’invasione dell’altrui edificio, non configurabile nel caso di specie avendo costei prestato assi…

Leggi: Se la badante non lascia l'abitazione alla morte dell'assistito è reato di "invasione"
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche