Separazione e divorzio: l'assegnazione della casa coniugale non è una misura assistenziale per il coniuge economicamente più debole

Separazione e divorzio: l'assegnazione della casa coniugale non è una misura assistenziale per il coniuge economicamente più debole

Avv. Paolo Accoti – A seguito di ricorso per separazione giudiziale dei coniugi, il Tribunale di Velletri, con sentenza, pronunciava la separazione dei coniugi con addebito nei confronti del marito, il quale veniva altresì gravato di un assegno di mantenimento di Euro 500,00 mensili.
Contestualmente, il Tribunale rigettava la richiesta di risarcimento danni avanzata dalla moglie per lesione della dignità personale e revocava l’assegnazione della casa familiare in favore della stessa, così come disposto nella fase presidenziale.
Proposto appello la Corte d’Appello di Roma, in parziale riforma della sentenza gravata condannava il marito al risarcimento dei danni provocati dal comportamento tenuto in costanza di matrimonio nei confronti della moglie, liquidato in via equitativa in Euro…

Leggi: Separazione e divorzio: l'assegnazione della casa coniugale non è una misura assistenziale per il coniuge economicamente più debole
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche