Separazione: niente lite temeraria al marito che ha proposto una domanda di addebito infondata

Separazione: niente lite temeraria al marito che ha proposto una domanda di addebito infondata

di Valeria Zeppilli – Con un’interessante recente sentenza, la numero 1339/2015, la quinta sezione civile della Corte di Appello di Milano ha sancito che un coniuge può essere condannato per lite temeraria ex art. 96, comma 3, c.p.c., solo se è rimasto integralmente soccombente nel giudizio di separazione personale.
Solo in tale ipotesi, infatti, può eventualmente reputarsi che egli abbia agito con mala fede o colpa grave.
Il coniuge che ha richiesto l’addebito, invece, non può essere condannato per lite temeraria, anche se la sua domanda sia poi risultata infondata, se non è rimasto soccombente in primo grado rispetto a tutte le domande che l’altro coniuge abbia proposto.
Nel caso di specie, il Tribunale di primo grado aveva dichiarato la separazione personale tra i coniugi addebita…

Leggi: Separazione: niente lite temeraria al marito che ha proposto una domanda di addebito infondata
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche