Stalking: il divieto di avvicinamento e i contrasti della giurisprudenza

Stalking: il divieto di avvicinamento e i contrasti della giurisprudenza

di Valeria Zeppilli – L’articolo 282-ter del codice di procedura penale, inserito dal decreto legge numero 11 del 23 febbraio 2009, disciplina la misura cautelare del divieto di avvicinamento. 
Con essa, in sostanza, si prevede che l’imputato, nei confronti del quale la misura è stata applicata, non deve avvicinarsi a luoghi determinati frequentati dalla persona offesa o deve comunque mantenere una determinata distanza da essi o dalla stessa persona offesa.
Nel caso in cui le esigenze di tutela lo rendano necessario, poi, il giudice può prescrivere che i luoghi oggetto della misura siano anche quelli frequentati abitualmente dai prossimi congiunti della vittima o da persona che con essa convivano o che siano ad essa legate da una relazione affettiva.
Il giudice può anche viet…

Leggi: Stalking: il divieto di avvicinamento e i contrasti della giurisprudenza
Fonte: Studio Cataldi – News giuridiche